Che lavoro cerchi?
In quale città?

Corso intensivo in Archeologia e Antropologia Forense (con crediti formativi riconosciuti dal MIUR)


  • Tipo: Offerta di formazione
  • Offerta inserita il: 15.09.2018
  • Offerta scade il: 16.10.2018
  • Posti disponibili: 1
  • Luogo: in Calabria,in Puglia,in Campania,in Toscana,in Piemonte
  • Settore formazione: Affari Legali
  • Offerta pubblicata da: Living Business Formazione

  Corso in

Archeologia e Antropologia Forense

Dallo scavo in necropoli alla ricostruzione delle

caratteristiche antropologiche e bioculturali

I corsi INPEF sono redicontabili con la Carta Docente (L. n° 107/2015) e rientrano nella Formazione Obbligatoria Docenti (Direttiva n° 170/2016)

Scarica il modulo di iscrizione

 

  archeologia forense1

 

 

PRESENTAZIONE

Il Corso in "Archeologia Forense: dallo scavo in necropoli alla ricostruzione delle caratteristiche antropologiche e bioculturali"intende illustrare l'insieme di tecniche e competenze specifiche utilizzate nell’ambito delle attività di antropologia archeologica e forense durante lo scavo archeologico, nella fase di interpretazione dei dati e nei procedimenti di conservazione dei campioni prelevati.

Lo studio dei contesti archeologici si avvale, ormai da tempo, del supporto di diverse discipline quali la Bioarcheologia, l'Antropologia forense, l'Antropologia funeraria, la Paleopatologia o la Tafonomia, al fine di ottenere il maggior numero di informazioni sui resti umani rinvenuti in contesti di interesse archeologico e/o forense e far luce sulle cause della morte o sullo stato di deposizione dei resti umani, soprattutto nei casi in cui il rinvenimento si verifica al di fuori delle aree cimiteriali "ufficiali".

 

OBIETTIVI DEL CORSO

Il corso intende fornire le conoscenze fondamentali sulle tematiche inerenti l'archeologia funeraria attraverso l'analisi di casi reali, in vari contesti geografici e cronologici. Verranno illustrati i contributi delle diverse discipline scientifiche al corretto svolgimento del lavoro dell'archeologo forense: l'archeometria, l'antropologia fisica, l'antropometria, la paleobotanica, la carpologia. Alla fine del corso lo studente conoscerà le più significative metodologie di analisi dei resti rinvenuti nei contesti archeologici, oltre ai metodi più usati per interpretare il significato rituale e simbolico delle diverse evidenze funerarie dell'antichità.

 

SPENDIBILITA’

Il corso permette a figure professionali di diversa formazione di utilizzare il proprio profilo professionale per rivestire un ruolo tecnico nelle attività di prelievo ed intepretazione dei resti umani nei contesti archeologici. Il corso può contribuire allo svolgimento, in ambito giudiziario, delle funzioni di Consulente Tecnico d’Ufficio (CTU), di Perito e di Consulente Tecnico di Parte (CTP) e di collaboratore ausiliario della Polizia Giudiziaria in qualità di Esperto, nonché l’attività di consulente di magistrati, avvocati, istituzioni, organizzazioni, enti locali, privati e forze dell’ordine. Permette, inoltre, di utilizzare le tecniche di indagine proprie delle scienze archeologiche per ottenere informazioni aggiuntive nell’analisi della scena di un crimine.

 

DESTINATARI

Diplomati, laureandi e laureati con idoneo C.V.

 

DURATA e PARTECIPAZIONE

20 ore di formazione: 15 ore in presenza e 5 di studio individuale 

Richiedi informazioni
Attendere prego...
Operazione in corso